E adesso? come faremo a tornare indietro?- mi domando in questa piovosa sera di febbraio. Mi dondolo sull’amaca appesa al gigantesco tetto di bambù  e palma dell’ Utopia Eco resort e poi guardo Lore, Giulia e Fede. Anche loro si stanno rilassando sulle amache fissando l’intreccio di palme del soffitto. Chissà se stanno pensando la stessa cosa. Siamo a Semuc Champey. Un paradiso terrestre nel cuore del Guatemala: un fiume sotterraneo che… Continua a leggere

La settimana scorsa ho avuto un incontro davvero carino. Quelle cose che capitano per caso, e dalla quale magari nasce qualcosa di bello. Stavo lavorando nel mio negozio in centro, e come spesso accade di questo periodo, entra una ragazza orientale. Turista, certamente. Con i suoi occhialoni  scuri alla Audrey Hepburn, ed il cappello da diva in vacanza in costiera amalfitana, mi fa un sorriso a trentasei denti, e con un inglese… Continua a leggere

Di cosa non posso fare a meno in viaggio? Di lei. Proprio no ce la faccio a partire senza. Sarebbe come andare senza passaporto.  Impensabile. Non posso negare di non averla tradita però in passato, avendo preferito altre a lei. Anzi per essere precisi, non tante. Una. Solo un’altra per tre volte. Non per giustificarmi, ma in fondo dei conti ero davvero giovane, tipo 17/18 anni. E a quell’età si sa, di… Continua a leggere

Quando visitiamo l’America, di solito intraprendiamo itinerari abbastanza ordinari. Voglio dire, se scegliete la East Coast, andrete probabilmente da New York a Miami passando per Orlando o Atlantic City. Oppure per la West Coast opterete per San Francisco e dintorni, ed i parchi. O addirittura il -coast to coast-, il meglio delle due coste. Quanti di voi invece, per esempio sono stati nel Maine, o nel Mississippi o in Louisiana? Ci sono… Continua a leggere

-Eppure la strada per tornare a casa deve essere questa. Non l’ho mai fatta, ma da qualche parte mi porterà.- Penso questo, nel momento in cui sto imboccando la strada che mi dovrebbe ricondurre a Siena. Poi d’improvviso vedo qualcosa di geologicamente improbabile. Sulla mia sinistra una duna di sabbia: sulla sommità c’è la spiaggia bagnata dal mare. -Che cosa anomala- Penso tra me e me. Neanche il tempo di terminare il… Continua a leggere